Sean Penn il non-divo

Emmet Ray - Accordi e disaccordiLentamente, senza sgomitare, in punta di Penn, e scegliendo solo film di cui non vergognarsi coi nipoti, lo Sean pi amato dopo Connery sta sostituendo - nei cuori e negli occhi di chi al cinema ci va per amore e solo per amore - il grande Bob De Niro. E un non-divo schivo e schietto Sean Penn, sposato con un'attrice (Robin Wright) altrettanto libera e allergica allo starsystem. Le cronache spesso tramandano la leggenda che sul set sia intrattabile, irascibile e un p "rompi...", e lui se ne frega: tanto gi su un altro set, in un altro film, da un'altra parte. amico di Bruce Springsteen e di Jack Nicholson. E stato candidato all'Oscar per l'insostenibile Matthew Poncelet di "Dead Man Walking". Ha gi vinto una "Palma" a Cannes (per "She's So Lovely") e un "Leone" a Venezia (per "Hurlyburly"). Ha diretto due film belli e impossibili (per il "grande pubblico"), "The Indian Runner" e "The Crossing Guard", cinema che scava, che scuote, che spiazza (e ne sta girando un altro, tratto dal romanzo di Friedrich Durrenmatt "La promessa", con un cast di attori assolutamente "penniani": Jack Nicholson, Harry Dean Stanton, Sam Shepard, Benicio Del Toro, Mickey Rourke e la moglie Robin Wright). L'anno scorso ha trascorso qualche settimana in Toscana per le riprese di "Una notte per decidere" di Philip Haas. E quindi, approdato alla corte di Woody Allen e tutti non dicevano I love you. Ma il suo Emmet Ray di "Accordi e disaccordi" della razza dei personaggi che non si dimenticano: guardatelo negli occhi mentre cerca il punto di riferimento della sua straordinaria follia.

Sali


Tratto da FilmTv anno 8 n24 - Pubblicazione amatoriale, non si intende violare nessun copyright